Capisco che c’è qualcosa che non va , quando decido di rifugiarmi in camera mia, sul letto , completamente sotto le coperte, col cellulare tra le mani e gli occhi fissi sulle doppie punte dei capelli che invadono lo schermo illuminato , non ancora sbloccato.